Cerca
Close this search box.

Non si sfugge allo scontrino elettronico

Condividi l'articolo

Il debutto dello scontrino elettronico.

Questo 2020, assieme ad altre sciagure anche peggiori di questa, ci ha portato l’obbligo di inviare telematicamente i corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate.

Se sei un commerciante o un artigiano, e fino a dicembre 2019 hai emesso lo scontrino o la ricevuta fiscale, sappi che da gennaio 2020 questi documenti non esistono più.

Sono stati sostituiti dallo scontrino elettronico, chiamato documento commerciale.

Quello che fa la differenza è lo strumento con cui viene emesso questo nuovo tipo di scontrino, ovvero il registratore di cassa telematico. Uno strumento che permette l’invio dei corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle Entrate.

La novità degli scontrini elettronici interessa anche i forfettari? La risposta è sì.

Ma non facciamoci prendere dall’ansia, amica della flat tax, perché c’è ancora un po’ di tempo per organizzarsi.

Fino al 30 giugno 2020 è possibile continuare a emettere il vecchio scontrino o la ricevuta fiscale, purché i corrispettivi giornalieri vengano inviati telematicamente entro la fine del mese successivo.

Per l’invio puoi utilizzare la procedura online messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Quali sono le strade percorribili da luglio 2020? Ci sono due alternative.

La prima è quella di acquistare il registratore telematico.

Significa investire una somma che va dai 250 ai 500 euro. La buona notizia è che potrai usufruire del bonus fiscale, un credito d’imposta pari al 50% della spesa (fino al tetto di 250 euro). Potrai utilizzare questo credito per compensare il versamento di altri tributi. Due cose da ricordare: devi avere la fattura di acquisto e il pagamento va’ fatto con strumenti tracciabili.

La seconda soluzione è quella di emettere una fattura per ogni cliente, strada percorribile da chi ha un ristretto numero di clienti.

Tieni presente che se sei in regime forfettario non hai l’obbligo di emettere la fattura elettronica (almeno per ora).

E tu che strada sceglierai?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ti potrebbe interessare anche...

Ragazza che lavora al pc
Fisco e tasse

La partita iva è la soluzione giusta per me?

Per capire se la partita iva è la soluzione giusta per te devi analizzare la tua situazione attuale. E non intendo solo la tua situazione economica, ma tutta una serie di circostanze che ti permettono di dedicarti al tuo progetto professionale con serenità.

#vitaconlapartitaiva

Intervista a Martina, libera professionista avvocata

Se è vero che una buona consulenza con la tua commercialista di fiducia è fondamentale per affrontare con consapevolezza il passaggio alla partita iva, sentire come si è mosso chi ci è passato prima di te, aiuta a vivere questo momento con più serenità.

scarpe rosse in piazza simbolo della lotta contro la violenza di genere
Oltre le tasse

No alla #violenzadigenere

La violenza si può esprimere in tanti modi, uno di questi è la violenza economica. Essere dipendente economicamente dal proprio marito o compagno significa non avere autonomia nelle decisioni. Esistono però alcune misure nazionali d’aiuto per le donne in situazioni come questa.

Don`t copy text!